Il Tricolore sull’Altare della Patria.

Buon 2 giugno a tutti! Questa è sempre una festa speciale e quest’anno forse ancora di più. Il Tricolore è stato uno dei protagonisti della quarantena, forse anche troppo, con una appropriazione da parte di alcune forze politiche quasi come se ne avessero l’esclusiva. Oggi, invece, torna a essere di tutti e ad acquisire una forza nuova.

Dunque fotografiamolo in tutti i modi possibili, perché quando sventola sullo sfondo azzurro del cielo, il rosso, il bianco e il verde diventano ancora più belli e interessanti. Il consiglio è di fotografare le bandiere in controluce: essendo traslucide si illuminano e creano delle ombre molto tridimensionali. Un esempio è la foto qui sopra che ho scattato all’Altare della Patria a Roma il primo giorno in cui sono tornato in centro dopo tanti giorni di chiusura a casa. Devo dire che è stato davvero emozionante!

Il Campidoglio illuminato dal Tricolore. La foto è di qualche anno fa, però è perfetta per questa giornata speciale!

Oltre che italiano, però, mi sento anche profondamente europeo e in realtà anche cittadino del mondo. La pandemia globale ha mostrato come siamo tutti uniti e i confini servono a poco davanti a questioni così grandi. Spero che non ce ne dimenticheremo e ci dedicheremo anche ad altre questioni pressanti, come quella ambientale. Qui sotto ecco la bandiera europea che sventola su Castel Sant’Angelo. L’azzurro e le stelle gialle sono perfette insieme al Tricolore! Un vero tripudio cromatico. La bellezza delle bandiere sia il simbolo della bellezza dell’unione tra popoli e culture sperando un giorno di essere tutti uniti sotto un unico grande vessillo.

La bandiera europea su Castel Sant’Angelo a Roma.